• Italiano
  • English

Scoperto ormone che attenua l’ipertrofia miocardica

Il Prof. Michele Miragoli, docente dell’Università di Parma, tra i primi autori dell’articolo, all’interno di un progetto che coinvolge anche il Premio Nobel Prof. Andrew V. Schally

Parma, 30 ottobre 2017 – Il Prof. Michele Miragoli, docente del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma e ricercatore dell’Istituto Clinico Humanitas di Milano, insieme a Iacopo Gesmundo dell’Università di Torino è tra i primi autori di un lavoro focalizzato sulla scoperta di un ormone che migliora il funzionamento del cuore ipertrofico. Lo studio è stato pubblicato dalla prestigiosa rivista PNAS e dalla banca dati biomedica PubMed

Il lavoro dimostra per la prima volta come l’ormone della crescita (Growth Hormone-Releasing Hormone - GHRH)e il suo analogo sintetico di ultima generazione, MR-409, siano capaci di attenuare l’ipertrofia e di migliorare la funzione cardiaca e la contrattilità delle cellule cardiache in corso di scompenso cardiaco, attraverso la regolazione di meccanismi molecolari caratteristici delle vie ipertrofiche.

L’ormone GHRH e il suo analogo MR-409 fanno parte di una ricerca coordinata dalla Prof.ssa Riccarda Granata, della Divisione di Endocrinologia e Metabolismo diretta dal Prof. Ezio Ghigo del Dipartimento di Scienze Mediche dell'Università di Torino. Il lavoro è il risultato di una collaborazione con altri ricercatori, tra i quali il gruppo del Dipartimento Cardiovascolare, IRCCS Humanitas University di Milano, il professor Joshua M. Hare della Divisione di Cardiologia dell’Università di Miami e il professor Andrew V. Schally della Miller School of Medicine di Miami, vincitore nel 1977 del Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina.

Pubblicato Lunedì, 30 Ottobre, 2017 - 15:31 | ultima modifica Lunedì, 30 Ottobre, 2017 - 16:38